Sara Corbioli – Be More Popcorn
19 Marzo 2018
Valeria Perdonò: dalla parte delle donne
19 Marzo 2018

By Matteo Squillace
19 Marzo 2018

Diciamolo pure: fare il papà, specialmente di questi tempi, è un mestiere per supereroi. Alcuni portano giacca e cravatta, altri ancora si alzano alle quattro di mattina oppure fanno doppi turni. Poi ci sono quelli che, invece del mantello, indossano scarpe da calcio o canotte da basket, hanno milioni di followers e con i loro gesti (dentro e fuori dal campo) ispirano generazioni di ragazzini e papà di tutte le età. Cristiano Ronaldo, LeBron James e Lionel Messi: i tre sportivi più famosi al mondo sono anche dei papà esemplari. Ognuno a modo suo.

Trofei di squadra, riconoscimenti individuali ma soprattutto una famiglia numerosissima con la quale ama trascorrere la maggior parte del suo tempo libero. I gossip di gioventù e la rottura con la super top model Irina Shayk sono ormai lontani: Cristiano Ronaldo è quel tipo di papà un po’ sbruffone che però che ama condividere i propri successi con figli e famiglia. Lo ha dimostrato lo scorso dicembre quando per ricevere il quinto Pallone d’Oro si è fatto accompagnare sul palco dal primogenito Cristiano Jr., avuto sette anni fa da madre surrogata. Da un utero in affitto sono arrivati anche i gemelli Eva e Mateo, mentre il 2017 si è chiuso con la nascita di Alana Martina, la figlioletta nata dalla relazione tra CR7 e la modella 22enne Georgina Rodriguez, con la quale Ronaldo fa coppia fissa ormai da oltre due anni. “A mio figlio non serve una mamma: basto io” aveva affermato anni fa il fenomeno portoghese. Perfettamente in linea con il personaggio e finora sembra aver mantenuto fede alle sue dichiarazioni.

Cene di asado con compagni di squadra, vacanze a Disneyland e un momento unico. “Papà, mi racconti una favola prima di andare a letto?”. Una scena che a casa Messi si ripete ogni sera, con papà Leo che non si tira mai indietro. L’appuntamento più bello della giornata, meglio della solita tripletta rifilata la domenica a qualche squadra spagnola che ha la sfortuna di incrociare la strada del numero 10 blaugrana. La stella del Barcellona per la nona stagione consecutiva ha superato quota venticinque gol nella Liga (e siamo solo a marzo). Decisamente non una buona notizia per chi se lo dovrà trovare davanti ai prossimi Mondiali in Russia, quando la Pulce proverà a riportare in patria quella Coppa del Mondo che all’Argentina manca dal 1986. Cosa fa pensare che sia l’anno buono? La nascita di Ciro, terzo figlio di Messi e della moglie Antonella Roccuzzo, con il piccolo venuto al mondo lo scorso 10 marzo: in Russia ci sarà anche lui, assieme a mamma Antonella e i fratelli Thiago e Mateo, a fare il tifo per papà Lionel.

“In questo momento la cosa che mi ferisce di più è non poter essere al fianco dei miei figli per spiegare loro cosa è successo e come dovranno comportarsi in futuro”. LeBron James è lo sportivo afroamericano più influente del ventunesimo secolo. Il 31 maggio 2017 qualcuno decide scrivere sul cancello della sua villa di Brentwood, California, una frase di stampo razzista. Il primo pensiero del numero 23 dei Cleveland Cavaliers è per i suoi figli (Bronny, Bryce e Zhuri) e la moglie Savannah, “la vera dinamo di casa” dice LBJ della moglie. Trasferte di migliaia di chilometri che ti costringono a stare lontano da casa per settimane, 82 partite di regular season e allenamenti alle cinque di mattina. Nonostante tutto questo, James è spettatore fisso delle partite di basket dei figli. Lui, cresciuto senza il padre naturale, che un giorno vorrebbe condividere il parquet con Bronny, il figlio più grande.

“Just a kid from Akron” si legge di tanto in tanto nei suoi post su Instagram. Un reminder per non dimenticarsi mai delle sue radici. Il tre volte campione Nba anni fa ha dato vita alla LeBron James Family Foundation, un’associazione nata per aiutare i ragazzi della comunità di Akron (città natale del Prescelto) nel percorso di studi e per creare iniziative sportive a tutti i livelli. “Vorrei ridare ai ragazzi di Akron un po’ della fortuna che la vita mi ha riservato”. In lizza non solo per il prossimo titolo di MVP Nba ma anche per il premio di papà dell’anno.

 

Ph: Getty Images