Moulin Rouge: i segreti del locale più famoso di Parigi

2019: dieci film che ci fanno già sognare
18 Dicembre 2018
Natasha Stefanenko – I miei sogni col sorriso
19 Dicembre 2018

By Barbara Cialdi
13 Dicembre 2018

Al numero 82 di Boulevard de Clichy, nel celebre quartiere a “luci rosse” di Pigalle e alle spalle della inimitabile chiesa di Montmartre, si affaccia il locale che da 130 anni vive di leggenda e fascino e che continua a raccontare la storia di Parigi e delle sue notti luccicanti. Il Moulin Rouge, nato nel 1889, luogo malizioso e frizzante, simbolo della capitale francese, amato dalle grandi celebrità, idolatrato anche da Edith Piaf che non perdeva occasione per cantarvi, era ed è un luogo di gioia e in questo luogo magico lei, la cantante dalla vita tormentata e dalla voce unica, riusciva a trasmettere all’immenso pubblico, la sua inguaribile joie de vivre. Dopo arrivarono tutti, l’astro nascente Yves Montand, Charles Trenet, Bourville ed Elvis Presley, che quand’era a Parigi, non perdeva mai occasione di passare al Moulin Rouge. Ma a conquistare i milioni di clienti che frequentano il celebre ed imitatissimo locale parigino sono, soprattutto, le giovani affascinanti e seducenti ballerine che, ogni sera, si esibiscono in meravigliosi e coinvolgenti spettacoli.

A rendere indimenticabili le serate trascorse qui, sono infatti le bellissime Doriss Girls, sessanta ballerine, selezionate in tutto il mondo, che nel corso degli anni hanno catturato l’attenzione del pubblico grazie al loro portamento, alla loro bravura e alla loro bellezza. Abbiamo infatti scoperto che le ragazze che compongono il corpo di ballo più sexy del pianeta devono avere due requisiti fondamentali: essere ballerine di danza classica e avere un’altezza di 1.75 metro. Ma non tutti sanno che esiste anche un vero e proprio “conteggio matematico” per calcolare la perfezione dei corpi delle ragazze. Infatti le gambe devono avere una lunghezza pari a due terzi dell’altezza totale mentre, per quel che riguarda i seni, la distanza tra essi è fissata a 21 centimetri mentre 13 sono i centimetri che devono correre tra ombelico e pube. Da non scordare poi il lato B che deve obbligatoriamente andare a formare un otto orizzontale. Assolutamente banditi tatuaggi o piercing. Essere una Doriss Girl, quindi è una impresa alquanto ardua e le selezioni sono davvero rigidissime. Ogni anno, ai provini ne arrivano moltissime, ma altrettante vengono rimandate a casa. Le Doriss Girls sono, da quando sono nate, la maggior attrattiva del Moulin Rouge e, tra piume, lustrini e meravigliosi abiti di scena, incantano il pubblico che, numeroso, accorre nel locale ai piedi di Montmartre, per ammirare le loro danze e, soprattutto, il ballo chiamato Can Can, inno nazionale francese alla danza e alla tradizione artistica del paese.

Queste ballerine prendono il loro nome da Doris Haug, la coreografa tedesca che, nel 1957, ebbe l’intuizione di fondare questo corpo di ballo. “Miss Doris”, come è stata soprannominata dopo essere diventata la coreografa del rinomato locale di cabaret, nacque nel 1927 e la sua è una storia di grande determinazione e passione per la danza. Doris, infatti, desiderava così fortemente fare la ballerina che, nella Germania dilaniata dalla seconda guerra mondiale, prendeva lezioni di danza di nascosto dai suoi genitori. Trasferitasi poi a Parigi, è stata vedette in altri importanti cabaret della città, come il Bal Tabarin e La Nouvelle Eve, per poi approdare al celebre Moulin Rouge, dove Miss Doris ha raggiunto la sua fama. Nel 1957, infatti, è diventata la coreografa e l’ideatrice del prestigioso e raffinato corpo di ballo internazionale delle Doriss Girls, che, da allora, rende indimenticabili ed emozionanti gli spettacoli del Moulin Rouge.

La maitresse de ballet del locale di Pigalle ha creato tutte le coreografie del Moulin Rouge, riportandolo pure ai vecchi onori, quando stava passando un periodo non troppo favorevole. La fama di Doris Haug e delle sue ragazze, però, non si è limitata a restare all’interno dei confini francesi, perché le Doriss Girls hanno debuttato sui palcoscenici di tutto il mondo con i loro spettacoli, da Londra a Tokyo, da Vienna a Madrid, solo per citarne alcuni. Inoltre Miss Doris ha avuto l’onore di portare in scena, nei suoi indimenticabili spettacoli, alcuni tra i più grandi artisti del mondo, che hanno fatto la storia della musica e del cabaret, come Joséphine Baker, Maurice Chevalier o Charles Aznavour.