Bubble power
6 Novembre 2017
Requiem for Pinocchio
7 Novembre 2017

By Barbara Cialdi
6 Novembre 2017

Il 28 ottobre scorso ha tagliato il traguardo dei cinquant’anni, ma per Julia Fiona Roberts (il sorriso più bello di Hollywood) sembra che gli anni si siano fermati. La sua bellezza è intatta: è cambiata, certo, ma non è mai appassita. A vederla sembra sprigionare la stessa energia e sex appeal della ragazzina che ventisette anni fa recitò nel film Pretty Woman al fianco di Richard Gere: interpretazione che la catapultò nell’Olimpo delle grandi star del cinema e nei cuori del grande pubblico di tutto il mondo. Bellissima e sorridente, con gambe chilometriche e capelli fluenti, Julia Roberts ha intrapreso la carriera di attrice nel 1989 grazie a Fiori d’Acciaio, con il quale si portò a casa subito il Golden Globe come miglior attrice non protagonista. Ma è nel 2001 grazie a Erin Brockovich che si aggiudica il Premio Oscar come miglior attrice, battendo candidate come Juliette Binoche ed Ellen Burstyn. I suoi ruoli da lì in poi frutteranno all’industria cinematografica cifre stratosferiche, facendo di lei una delle attrici più contese da registi e case di produzione pronte a sborsare qualsiasi cifra.

Julia Roberts infatti è stata l’attrice più pagata al mondo per tutto il 1991 e per la prima metà degli anni 2000. Il picco di fama raggiunto con Il matrimonio del mio miglior amico, Ipotesi di complotto, Mangia, prega ama e Biancaneve l’ha resa modello e icona per milioni di donne. E a novembre negli Stati Uniti uscirà ultimo lavoro, intitolato Wonder (diretto da Stephen Chbosky), in cui interpreta una madre con un figlio malato. Ma anche il mondo della moda l’ha celebrata più volte e continua a esaltarla tutt’oggi: l’attrice di Notting Hill è infatti il volto del marchio francese Lancôme, che l’ha voluta come testimonial del profumo “La Vie est Belle” e dell’italianissima azienda di collant Calzedonia che l’ha resa protagonista degli spot televisivi in giro per il nostro Paese. E, last but not least, nel 2014 Riccardo Tisci in persona decise di farla diventare worldwide ambassador di Givenchy.

La poliedrica Julia, però, non trascura la famiglia: i tre figli ed il marito cameraman Daniel Moder, sposato nel 2002, sono la sua priorità. Come lei stessa ha più volte dichiarato: “Amo le piccole cose che faccio con la mia famiglia: hanno il potere di farmi tornare il sorriso in ogni momento”. Ed è proprio il sorriso (assicurato per milioni di dollari) il suo punto forte: un manifesto di felicità fatto dalla fusione di autenticità e bellezza.