Fabri Fibra e Hero’s Heroine: nasce “No Future”
13 Luglio 2017
Sebastiano Attardo – Innamorati della tua bellezza
14 Luglio 2017

By Matteo Squillace
14 Luglio 2017

Sono le 9.02 del 15 luglio 1997: Andrew Cunanan commette l’ultimo di una serie di cinque delitti cominciata, inspiegabilmente, pochi mesi prima. La vittima è lo stilista Gianni Versace, che all’ingresso della sua sfarzosa villa (la celebre Casa Casuarina) viene raggiunto da un colpo di pistola che lo lascia senza vita in un’enorme pozza di sangue. Antonio D’Amico, il compagno dello stilista calabrese, chiama immediatamente i soccorsi ma è tutto inutile. Versace, l’uomo che con il suo saper guardare oltre aveva cambiato radicalmente la moda italiana, giace immobile sulle scale d’ingresso di quello che era il suo buen retiro.

Contemporaneamente, dall’altra parte dell’oceano, sta per andare in scena l’attesissima sfilata Donna sotto le Stelle: siamo a Roma, la cornice è quella di Trinità dei Monti. Quella sfilata non avrà mai luogo: troppo grande il dolore di Santo e Donatella Versace nell’apprendere la notizia, con Naomi Campbell impietrita al loro fianco. Visionario, innovatore, con una capacità assoluta di saper imporre il proprio credo: così veniva considerato Versace nel mondo, e non è un caso che modelle come Linda Evangelista, Kate Moss, Karen Mulder e Naomi Campbell stessa fossero sempre pronte a rispondere agli appelli dello stilista.

Vent’anni dopo quella tragica mattinata a South Beach, il caso rimane uno dei più illeggibili della storia recente: Andrew Cunanan fu veramente ritrovato morto, sei giorni dopo l’omicidio, in una house boat poco fuori Miami? I fascicoli dicono questo, ma c’è dell’altro. Come mai il corpo di Cunanan fu immediatamente cremato, senza praticare prima l’autopsia? D’Amico ancora non si vuole arrendere all’idea che un mitomane qualsiasi, in uno slancio di follia, sia andato a colpire il suo amato. Di questo mistero, che ancora rimane con troppi interrogativi sospesi, racconterà la seconda stagione di American Crime Story (in uscita nel 2018), intitolata proprio The Assassination of Gianni Versace. Un modo per celebrarne l’immortalità, provando a gettare una nuova luce su tutto il torbido che avvolge questa cupa vicenda.