Chvrches: The bones of what you believe

Raccolta e conservazione delle cellule staminali
21 Ottobre 2013
Justin e i cavalieri valorosi: prima clip del film
21 Ottobre 2013

Chvrches: The bones of what you believe

È uscito “The bones of what you believe” il disco di debutto dei Chvrches, un album che si muove tra le atmosfere anni Ottanta, rock e l’elettronica hipster dei club di Londra.

 

Il disco è ricco di ottime melodie, di canzoni orecchiabili. Ogni brano è frutto di un lavoro molto accurato. I sintetizzatori e i loop elettronici che accompagnano i brani sono profondi, mai banali. Perfetti per bilanciare la voce fanciullesca di Lauren Mayberry, volto femminile del trio scozzese accanto ai due polistrumentisti Iain Cook e Martin Doherty.

La forza dei Chvrches è quella di evocare tutte queste influenze con grande semplicità, quasi con naturalezza forse anche grazie al fatto che mentre il gruppo si potrebbe definire synthpop tutti i componenti arrivano dal mondo Indie rock. L’album è stato anticipato dal singolo “The mother we share”che ha raccolto ottime critiche. Tra gli addetti ai lavori che attendevamo questo disco con grande curiosità. Nel disco spiccano brani come l’intensa “Recover”, accanto a “Tether” dal crescendo elettronico e “Lies”, la canzone più cupa del disco.