#AltaRoma – Focus on Rani Zakhem
31 Gennaio 2017
The Founder – Recensione
31 Gennaio 2017

By Barbara Cialdi
31 Gennaio 2017

Non si ferma la corsa ai diritti degli animali promossa da Brigitte Bardot: la diva 82enne ormai da tantissimi anni si batte affinchè venga capita l’importanza dell’universo animale e se ne riconoscano il rispetto e le cure necessarie. La lotta alla la corrida e alla produzione delle pellicce sono alcune delle cause che l’attrice francese porta avanti da tempo. E per i motivi di cui sopra sono finiti nel mirin anche illustri colleghi come Catherine Deneuve e Gérard Depardieu,

Brigitte Bardot ha deciso di dedicare l’ultima parte della sua esistenza alla difesa degli animali. Nata a Parigi nel 1934, attrice, ex modella, cantante e ballerina, icona indiscussa degli anni 50 e 60 per la sua sensualità ed avvenenza ma anche per la sua emancipazione, B.B. (questo il suo appellativo) offre ai media ed al pubblico di quegli anni una visione diversa della bellezza femminile: lei è ribelle e controcorrente come nessun’altra.

Le sono stati attribuiti più di cento amanti, tra cui varie donne e ben quattro mariti: la bella Brigitte all’età di sedici anni incontra il regista Roger Vadim che la lancia nel cinema e le propone di sposarsi. I genitori rifiutano e lei, per protesta, accende il forno ed infila la testa dentro: inizia così la sua leggenda. Seguiranno, da lì in poi, altri mariti ed una carriera prodigiosa. Film come “Le Mepris”, “Le Femmes”, “Les Petroleuses” e “Mademoiselle Pigalle” la consacrano come stella del firmamento del grande schermo e il suo stile di vita influisce notevolmente sull’opinione pubblica: le sue apparizioni in bikini, le sue magliette a righe e i suoi pantaloni tagliati al ginocchio sono scolpiti nell’immaginario collettivo di quell’epoca ruggente.

Alla soglia dei quarant’anni Brigitte Bardot decide di ritirarsi dalle scene. E’ il 1973 e la sua decisione improvvisa lascia il mondo del cinema senza parole. Registi e sceneggiatori continuano a corteggiarla per molto tempo ma lei è ben determinata a dedicarsi ad altro: gli animali e i loro diritti. La sua fondazione  si occupa della salvaguardia della salute degli animali, soprattutto quelli in via d’estinzione, offrendo supporto e raccolte fondi. Nella sua casa vivono pecore, maiali, cavalli, pony, galline, anatre, cani e gatti che lei definisce “compagni di vita”.

Il suo desiderio più grande è che venga emessa una legge in cui vietare la macellazione rituale, impedendo che gli animali vengano uccisi senza prima essere storditi. “B.B. ormai è morta – ha dichiarato a più riprese l’attrice- era solo un’immagine. Adesso sono un’altra persona. Ho dato la bellezza agli uomini, adesso voglio essere la fata degli animali”.