Ritratti del Brasile
28 Aprile 2017
Proposte ecosostenibili: la moda in prima fila
28 Aprile 2017

By Antonino Pezzo
28 Aprile 2017

ART

A partire dal 24 Maggio la storica Galleria Montrasio Arte di Milano ospiterà la nuova personalissima mostra Apparato Circolatorio di Jago, artista italiano di incommensurabile talento. È prevalentemente uno scultore, cosa per cui sembra essere nato, ma con il tempo è diventato anche un music producer, performer e video maker.

La dote che fuoriesce dalle mani di Jago Jacopo Cardillo mentre impugna lo scalpello e sviscera il marmo è veramente fuori dalla portata dei classici artisti. Sembra una manifestazione quasi aliena, un’esperienza extrasensoriale e inspiegabile, ampiamente confermata dai colori lattei delle sue sculture.

La mostra, che si protrarrà fino a Luglio, condurrà dietro le quinte della creazione, con una selezione importante di opere mai esposte prima. I numerosissimi premi che Jago ha conquistato, nonostante la giovane età, ci confermano che dopo l’opera impressionante Papa Benedetto XVI, per la quale ha ricevuto persino un’Onorificenza Pontificia, e dopo Memoria di sé, dobbiamo essere pronti davvero a qualsiasi cosa.

“Appare evidente che in Jacopo Cardillo ci sono la coscienza della forma e la necessità di esprimere un’idea anche con una modernità d’immagine, sia pure con molti riferimenti alla tradizione, ma in una consapevolezza, in un mestiere, una disciplina per l’appunto, che pochi artisti, soprattutto scultori, hanno mostrato nel corso del ‘900”, queste le parole di Vittorio Sgarbi.