Timberland, tra heritage e design
10 Aprile 2017
American Crime Story, nel cast anche Ricky Martin
10 Aprile 2017

By Antonino Pezzo
10 Marzo 2017

ART

Oggi il selfie è una cosa normalissima, un’azione praticata da tutti, ma molti sottovalutano la natura e gli elementi che lo hanno determinato nel tempo. A Londra, presso la Saatchi Gallery, è stata inaugurata la prima mostra sulla storia del selfie: From Selfie to Self Expression.

Il viaggio nelle immagini è incredibile, ed è prova di come l’uomo abbia avuto il bisogno di rappresentare se stesso con un autoscatto, immortalandosi per sempre. Nella mostra c’è posto per tutti: fotografi, artisti, gente comune. Van Gogh, Rembrandt, Frida Kahlo e molti altri accolgono i visitatori con i loro celebri autoritratti, riprodotti su schermi luminosi che somigliano a giganteschi smartphone.

In alcuni scatti sono raffigurate espressioni morbide, tenui, in altri le stesse appaiono più forti e marcate. C’è felicità, stupore, tristezza, nervosismo: tutti i tipi di emozione. Accanto a selfie famosi di celebrity troviamo quelli di gente comune che ha saputo raccogliere migliaia di like grazie a uno scatto studiato nei dettagli. Inoltre vicino a ogni opera è posizionato un Huawei P10, che consente di postare un cuore sotto proprio come su Instagram.

Potrete gustare questo gioco di facce e anime fino al 30 Maggio. È presente persino Barack Obama, che ha compreso la transizione culturale e il fatto che gli uomini si stiano portando verso una dimensione sempre più digitalizzata.